logo




Tutti i post:
C'era una volta un burattino di nome Pinocchio....
0000-00-00
C'era una volta un burattino di nome Pinocchio....
Vezzolano, culla del romanico astigiano
0000-00-00
Vezzolano, culla del romanico astigiano
Sul filo della seta: il Giardino-Museo di Racconigi
0000-00-00
Sul filo della seta: il Giardino-Museo di Racconigi
Sant'Antonio di Ranverso: un gioiello gotico in Piemonte
0000-00-00
Sant'Antonio di Ranverso: un gioiello gotico in Piemonte
Dalla Penna alla scrittura
0000-00-00
Dalla Penna alla scrittura
Alla corte dei marchesi Tapparelli, i Castelli di Lagnasco
2016-08-02
Alla corte dei marchesi Tapparelli, i Castelli di Lagnasco
Nella valle delle Meraviglie
2016-08-10
Nella valle delle Meraviglie

Una delle cose che solleticano la curiosità dei turisti è scoprire come vivevano le famiglie reali nei secoli passati. 

Un esempio di questa "vita di corte" la dimostra, sicuramente, il Castello di Racconigi durante la sua visita. Innanzitutto, perchè Racconigi era per Carlo Alberto "la sua casa di campagna", che usava nei mesi estivi da giugno a settembre per allontanarsi dalla corte, dal protocollo di Torino che lo opprimeva. E questa "atmosfera famigliare" si respira ancora oggi visitando il suo castello.

Si comincia dal piano nobile, con sale auliche ma non soffocanti: il Salone d'Ercole e la Sala Diana, settecenschi che con i loro stucchi elogiano le virtù degli uomini e delle donne del Casato, la sala da pranzo, già realizzata con l'impronta di Pelagio Palagi, con il trionfo delle grottesche del Cinati e del Trifoglio, le sale cinesi (che Carlo Alberto non amava particolarmente) destinate al Grande di Corte. E si prosegue, nella zona di Rappresentanza, l'unica dove durante l'estate era usato il protoccolo di corte: la Sala dei Dignitari, sala d'attesa per gli ospiti e, occasionalmente, usata come Sala del Caffè dagli uomini dove era loro consentito fumare, la Sala del Ricevicento, sostituta della Sala del Trono di Palazzo Reale, per ricevere gli ospiti importanti, il Gabinetto Etrusco gioiello creato da Pelagio Palagi, dove Carlo Alberto riceveva i ministri e funzionari. C'erano anche gli spazi per il divertimento: la Sala del Biliardo per gli uomini e la Galleria della Cappella, dove la Regina animava "insipida e noiosa partita di whist serale".

Le stanze private erano collocate sopra: gli Appartamenti di Maria Teresa ampi e confortevoli, mentre Carlo Alberto, che amava la vita spartana, una piccola camera d'angolo con vista sul maestoso parco. Tutte le camere erano corredate già di sala da bagno: il Re provvide ad installare un impianto di acqua potabile, che poteva garantire l'acqua calda tre volte al giorno.

E poi le camere di Vittorio e Ferninando: quelle più modificate attraverso i secoli. Infatti, quest'ala del palazzo fu quella ridecorata e riarredata da Vittorio Emanuele ed Elena di Montenegro e utilizzata poi ancora da Umberto e Maria Josè. Si fa un viaggio nel tempo: prima con gli ambienti ottocenteschi della camera nuziale di Vittorio Emanuele e Maria Adelaide e poi, ci si catapulta nel Novecento. Le camere da scapolo di Umberto, con il bagno moderno e gli affreschi futuristi di Matteo Fiore, che si rifà al suo maestro Giò Ponti e poi la camera matrimoniale: bianca, luminosa e funzionale; a fianco il bagno, simile nella decorazione con arredi e attrezzature moderne. Si conclude nel Salotto della Musica di Maria Josè: il grammofono della Voce del Padrone, le chiavarine, le prime poltrone Frau, i ritratti dei figli piccoli...ovvero un angolo di modernità in un edificio dalla storia millenaria.

Ma il nostro viaggio non termina qui, per a Racconigi, la visita termina nelle splendide cucine ottocentesche: regno incontrastato di cuochi e servette. Enormi potagè accolgono il turistita, spettacolari girarrosti, tavoli, padelle, cioccolatiere, stampi per dolci, forni, ghiacciaie..tutto lasciato lì come se tutti siano usciti un attimo, per ritornare a breve per riprendere le proprie attività.

 

 

Vuoi sapere di più su come organizzare una visita guidata al Castello di Racconigi?

Contattami per ulteriori informazioni.

Una visita al Castello di Racconigi: andiamo a vedere come viveva il Re

Una visita al Castello di Racconigi: andiamo a vedere come viveva il Re
blog_6_11.jpg
Una visita al Castello di Racconigi: andiamo a vedere come viveva il Re
blog_6_0.jpg
Una visita al Castello di Racconigi: andiamo a vedere come viveva il Re
blog_6_6.jpg
Una visita al Castello di Racconigi: andiamo a vedere come viveva il Re
2016-09-29
Una visita al Castello di Racconigi: andiamo a vedere come viveva il Re
Una mostra sulle Regge d'Italia alla Venaria Reale
2017-03-27
Una mostra sulle Regge d'Italia alla Venaria Reale
L'Ultima Cena...a Revello
2017-12-18
L'Ultima Cena...a Revello
Il trionfo del Barocco - Stupinigi
2018-01-08
Il trionfo del Barocco - Stupinigi